Login

Register

Login

Register

Scarpe Primigi, le primizie per i tuoi bambini!
16 giugno 2017
Il marchio Vidorreta: vai con le Espadrillas, la tipica calzatura spagnola
23 giugno 2017

Prova la zeppa Wrangler una vera e propria ossessione

Estate, voglia di serate all’aperto, voglia di…”Shopping al chiaro di luna”! A Treviglio, in provincia Milano, tutti i mercoledì sera fino al 2 agosto troverai i negozi aperti e tanti, tanti eventi. Mettiti in mostra anche tu in queste notti calde e sensuali, indossa un bel paio di scarpe Wrangler con la zeppa!

Eh sì, la scarpa con la zeppa è davvero una delle protagoniste assolute di questa estate 2017! Scopri l’ampia gamma proposta dal marchio Wrangler, storico produttore statunitense di jeans che poi si è anche espanso alle calzature a agli accessori. Ve ne sono di speciali e coloratissime, con suola bicolor e tricolor, o con fantasie a righe orizzontali o diagonali, e realizzate in diversi materiali…non avrai che l’imbarazzo della scelta!

La zeppa, proprio lei, la scarpa sollevata dalla spessa suola che funge da tacco, in grado di regalare altezza e tanta comodità allo stesso tempo! Ma la storia di questa calzatura è davvero antica…

Le prime zeppe infatti risalgono al mondo classico, siamo in Grecia. Anche se i Greci preferivano comunque andare in giro a piedi nudi o con i sandali, la zeppa esisteva, ed era associata a due categorie di persone in particolare. Una era quella dei teatranti, i quali sulla scena indossavano i “coturni”, calzari caratterizzati appunto da una suola molto alta in sughero, che garantiva loro una maggiore visibilità, unitamente a maschere e parrucche che dovevano servire allo stesso scopo.

Tali calzature però non erano considerate molto eleganti e pertanto si preferiva coprirle con la lunga veste. L’altra categoria era quella delle cortigiane, le quali indossavano queste proto-zeppe per rendersi più attraenti, in questo caso le scarpe erano di colore zafferano…Ecco che, da allora, la zeppa si associa ad una forte attrattiva sessuale!

Anche presso gli Etruschi erano in uso tali calzature, sotto l’influenza del mondo greco, ed essi anzi divennero anche più abili dei loro maestri, tanto che le loro produzioni di “zeppe” venivano preferite dalle donne greche che gliene commissionavano appositamente. Anche i Romani, a loro volta, recepirono l’eredità di questa calzatura.

Durante il Medioevo si fece largo l’uso di zoccoli, sia piatti che con il doppio rialzo, successivamente questi si evolvettero alla fine del periodo e nacquero così le “pianelle”, che potevano essere davvero molto alte e che furono le protagoniste del Rinascimento italiano, in particolare a Venezia. Pensa che l’altezza di queste scarpe raggiunse, in alcuni casi, anche i 50 centimetri! Veri e propri trampoli, senza dubbio, venivano indossati soprattutto allo scopo di farsi notare, e permettevano anche a chi le portava di camminare liberamente senza rischiare di sporcarsi col sudiciume allora diffuso nelle strade.

Ma avevano anche un’altra utilità, quantomeno dal punto di vista maschile: permettevano di controllare la moglie e le figlie, le quali a causa dell’altezza raggiunta indossando tali scarpe erano necessariamente obbligate a farsi aiutare da due ancelle durante le loro passeggiate.
Le pianelle furono usate fino alla fine del XVII secolo, quando vennero pian piano sostituite dal solo tacco posteriore, si dice inventato dal re Luigi XIV che voleva sopperire così alla sua non elevata statura!

In Italia , la zeppa torna prepotentemente e, possiamo dire, definitivamente di moda a partire dagli anni ’30 del Novecento, quando Salvatore Ferragamo la brevetta per la prima volta: si trattava di una scarpa con zeppa in sughero…e da quel momento, questo tipo di calzatura è entrato nella storia.

Prova anche tu una delle colorate e comode zeppe Wrangler…te ne innamorerai!